Il sito web del Liceo "Battaglini" utilizza i cookie. Visitando il sito si autorizza l'impiego di cookie.

Liceo Scientifico di Stato 'Giuseppe Battaglini' - Taranto

Data di avvio A.S. 2020/21. Saluto di inizio A.S. 2020/21

saluto.jpg

A TUTTO IL CORPO INSEGNANTE, AL PERSONALE ATA, ALLE FAMIGLIE DEGLI STUDENTI DEL LICEO BATTAGLINI

Le lezioni dell'anno scolastico 2020/2021 avranno inizio lunedì 21/09/2020.

Carissimi,

ci accingiamo a cominciare un anno scolastico come mai è accaduto prima. La crisi pandemica, che ancora stiamo attraversando, ha generato senza dubbio un forte senso di incertezza. La nostra economia si è contratta a un livello che qualcuno ha paragonato a quello della seconda guerra mondiale. La nostra libertà di circolazione, la nostra stessa interazione umana, fisica e psicologica sono state sacrificate. All’aumento drammatico nel numero delle persone private del lavoro si è affiancata la chiusura delle scuole, che ha messo a rischio molti percorsi professionali ed educativi. Alla distruzione del capitale fisico che caratterizzò l’evento bellico molti oggi accostano il timore di una distruzione del capitale umano.

La scuola si è trovata in prima linea nel far fronte a questa grande emergenza e - grazie alla competenza, al senso di sacrificio e alla ferma speranza che, nonostante tutto, pervade la vita di molti di noi - non abbiamo interrotto le attività didattiche e formative richieste dal nostro compito educativo. Nei mesi più difficili del distanziamento sociale i nostri giovani hanno dimostrato di non volersi privare del loro diritto allo studio, i docenti e tutto il personale della scuola non sono venuti meno alle loro responsabilità. Tutti noi abbiamo assistito a un grande momento di resilienza e di creatività di cui, nel nostro Liceo in particolare, possiamo andare giustamente orgogliosi.

Quasi nessuna delle ordinarie attività curricolari ed extracurricolari è andata perduta, incluso il percorso sperimentale del Liceo Quadriennale, il percorso del Liceo Scientifico Biologico con Curvatura Biomedica, il recente Programma P-Tech (in sinergia con la multinazionale IBM e il Politecnico di Bari), che ci pone all’avanguardia nella promozione del rafforzamento delle competenze dei giovani per il loro orientamento e la futura occupabilità; anche i percorsi CLIL e del potenziamento delle competenze linguistiche, in sinergia con la Cambridge International School, hanno trovato una loro modalità di proseguimento… Abbiamo anche continuato a sostenere il recupero delle conoscenze e delle competenze e a perseguire risultati di eccellenza in diverse competizioni disciplinari, nazionali e territoriali. Continuiamo a mantenere il primato tra le scuole superiori della provincia per i risultati delle prove INVALSI e nella graduatoria dei Licei Scientifici “Eduscopio” a cura della Fondazione Agnelli. Gli Esami di Stato hanno concluso un cammino che, nonostante le difficoltà note a tutti, ci ha condotto a risultati di grande soddisfazione. E tutto questo è stato reso possibile dalla capacità finora dimostrata da tutta la comunità educante del Liceo Battaglini (i docenti, le famiglie, gli studenti, il DSGA, il personale ATA) di saper proseguire sul cammino già intrapreso, ma anche di saper innovare approcci, contenuti, metodologie e percorsi di studio che rispondano sempre più alle attese dei nostri giovani.

Oggi ci troviamo a dover gestire criticità strutturali e sanitarie finora mai vissute, che tuttavia - grazie al supporto dell’amministrazione centrale e periferica dello Stato e degli enti territoriali e grazie alle risposte quotidiane che tutti noi siamo riusciti e riusciremo a dare - possiamo superare con ferma pacatezza e fiduciosa lungimiranza. In tutto questo facciamo affidamento nell’apporto insostituibile e nella collaborazione delle famiglie dei nostri studenti , che guardano con attenzione all’impegno e agli sforzi di cui abbiamo dato prova nell’immediato frangente.

Si tratta ora di capitalizzare il patrimonio didattico-educativo e le strategie messe in atto durante l’anno scolastico che ci ha preceduto, affinché le criticità incontrate si trasformino in volano per la ripartenza. La didattica a distanza lascerà il posto alla didattica digitale integrata, la articolazione del tempo-scuola e della frequenza varierà in ragione delle esigenze normative per la tutela della sicurezza e della salute di tutti.

Ma occorre sempre tener conto che lo scopo di ogni singola azione quotidiana nella scuola resta l’inestimabile futuro dei nostri giovani. A tal proposito non è male ricordare quanto di recente abbiamo potuto sentir dire, in un intervento pubblico, da parte di una delle figure che più saggiamente ha assicurato al nostro paese e all’Europa la salvaguardia di idonee condizioni di benessere e di futura crescita: “Vi è un settore, essenziale per la crescita, dove la visione di lungo periodo deve sposarsi con l’azione immediata: l’istruzione e, più in generale, l’investimento nei giovani”.Questo è stato sempre vero, ma la situazione presente rende imperativo e urgente un massiccio investimento di intelligenza e di risorse finanziarie in questo settore. La partecipazione alla società del futuro richiederà ai giovani di oggi ancor più grandi capacità di discernimento e di adattamento. Se guardiamo alle culture e alle nazioni che meglio hanno gestito l’incertezza e la necessità del cambiamento, hanno tutte assegnato all’educazione il ruolo fondamentale nel preparare i giovani a gestire il cambiamento e l’incertezza nei loro percorsi di vita, con saggezza e indipendenza di giudizio. Ma c’è anche una ragione morale che deve spingerci a questa scelta e a farlo bene: il debito creato con la pandemia è senza precedenti e dovrà essere ripagato principalmente da coloro che sono oggi i giovani. È nostro dovere far sì che abbiano tutti gli strumenti per farlo, pur vivendo in società migliori delle nostre. “Per anni una forma di egoismo collettivo ha indotto i a distrarre capacità umane e altre risorse in favore di obiettivi con più certo e immediato ritorno politico: ciò non è più accettabile oggi. Privare un giovane del futuro è una delle forme più gravi di diseguaglianza” (Mario Draghi, Intervento inaugurale al Meeting per l’amicizia tra i popoli - Rimini, 18 agosto 2020).

Il nostro Liceo intende sentirsi responsabile di questo obiettivo. Perché il futuro di tutti dipende dal futuro dei nostri giovani.

Buon anno scolastico a tutti!

Il Dirigente Scolastico

Patrizia Arzeni