Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 

Dopo tre anni di sospensione a causa della ben nota emergenza sanitaria, gli alunni riprendono a viaggiare! A conclusione dell’agognato viaggio d’istruzione delle 10 classi quinte e della quarta del liceo quadriennale a Firenze, la perla del Rinascimento con il suo inestimabile patrimonio dei capolavori d’arte, e Pisa, piccola ma molto vivace e culturalmente attraente grazie al gran numero di studenti che gravitano intorno all’università, giunge un ringraziamento speciale e del tutto inaspettato al Dirigente Scolastico.

La dott.ssa Patrizia Arzeni ha, infatti, il piacere di condividere con gli studenti ed i docenti accompagnatori il messaggio che la prof.ssa Licia Catucci, quale referente viaggi ed uscite didattiche insieme al prof. Nicola Piccinno, ha ricevuto dalla dott.ssa Pasqua Cocomazzi del Servizio Eventi Culturali e Career Services della prestigiosa Scuola Normale Superiore di Pisa. “Desidero ringraziarla per aver avuto l'idea e la sensibilità di aver favorito l'incontro tra due mondi nemmeno così distanti: i vostri studenti e le vostre studentesse e i nostri allievi e allieve. In entrambi gli incontri si è creato un clima interlocutorio molto interessante e informale che ha permesso un proficuo e sincero scambio di idee, esperienze, dubbi e paure. E' stato un piacere accogliervi e vedere l'affetto che i vostri ex studenti, ora brillanti allievi della Scuola, nutrono per la vostra istituzione: vi auguro di proseguire con la stessa passione. E' stato inoltre un grande piacere conoscere i suoi colleghi docenti che personalmente spendono energie e tempo”. Una meta del tour è stata proprio la visita al famoso Istituto universitario pisano, finalizzata all’orientamento con la presentazione dell’offerta formativa, alla presenza degli studenti “Normalisti”, tra cui gli ex allievi “eccellenze” del nostro liceo scientifico. Ad accogliere i gruppi di studenti e docenti tarantini Alessio Spagnoletti, Gabriele Quaranta e Luca Vantaggio. Forti le emozioni condivise nella Sala Azzurra del Palazzo della Carovana dove l’entusiasmo nel ritrovarsi è stato caloroso e coinvolgente. Il “Battaglini” con onore si fregia di annoverare tre studenti talentuosi nella più antica Scuola universitaria italiana e di saperli tra i grandi nomi della storia e della cultura, da Giovanni Gronchi a Carlo Azeglio Ciampi, da Giosuè Carducci, Enrico Fermi a Carlo Rubbia. Quando i viaggi di istruzione, le “gite scolastiche”, promuovono la cultura, la ricerca e l’esplorazione trovano un ambiente fertile, aperto e stimolante, dove si sviluppano il sapere critico e la curiosità intellettuale che rendono quei momenti indimenticabili nella vita di studenti ed insegnanti. Giornate intense, ricche di emozioni, di scoperte, dove si solidificano i rapporti e si fanno esperienze che lasciano ricordi indelebili nella memoria personale e che resteranno gelosamente custoditi nei cuori di ciascuno.

 
“Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone” John Steinbeck

Torna all'inizio del contenuto