Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 

“PretenDiamo Legalità 2020/2021” è il titolo del concorso promosso dalla Polizia di Stato in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione finalizzato alla promozione della cultura della legalità.con l'obiettivo di stimolare una riflessione sull'importanza della legalità che passa, necessariamente, attraverso la partecipazione attiva e consapevole di tutti i cittadini ai quali si chiede di essere protagonisti nella realtà sociale.

Gli alunni della classe 3H, coordinati dalla Referente del progetto, la prof.ssa Maria Grazia Cuppone, hanno aderito all’iniziativa con la realizzazione di un graphic novel dal titolo “Il commissario Mascherpa lotta con la Piovra” in cui il protagonista, il Commissario Mascherpa, è impegnato nella risoluzione di un’indagine sulla criminalità di stampo mafioso e le sue infiltrazioni nel mondo sanitario ed uno spot contro la violenza sulle donne.
Un’apposita commissione, nominata e presieduta dal Questore di ciascuna provincia, con un rappresentante del mondo scolastico, ha individuato un lavoro per ciascuna categoria, tenendo conto dell’ efficacia e pertinenza nella rappresentazione del tema e della creatività ed originalità di espressione.
Le alunne Daria Amati, Eleonora Maria Giuseppina Fanelli e Francesca Fornaro della classe 3H hanno vinto il premio a livello provinciale per la sezione Cine TV con lo spot realizzato con la collaborazione delle alunne Elisabetta Pia Greco e Zelda Palazzo e la partecipazione della sig.ra Mariella Caramia e venerdì 15 ottobre 2021 alle ore 11.00 nella sede della Questura di Taranto alla presenza del Questore di Taranto dott. Giuseppe Bellassai e del Dirigente Ufficio Scolastico Provinciale di Taranto, prof. Vito Alfonso, si è svolta la Cerimonia della consegna dei diplomi di partecipazione alla quarta edizione del concorso.
Il prof. Alfonso nel manifestare un caloroso apprezzamento ai ragazzi e agli insegnanti per l'impegno profuso, ha sottolineato che il rispetto delle regole non è solo un obbligo normativo, ma che l’evoluzione sociale di un Paese è fondata proprio sullo spontaneo atteggiamento dei cittadini a rispettare le regole e che la deviazione deve essere un fatto occasionale, del tutto accidentale. perché il mancato rispetto delle stesse creerebbe un disastro per tutti.
Il Questore Bellassai ha espresso grande riconoscimento alle scuole che hanno aderito al concorso e particolarmente a quelle, tra cui il nostro liceo, che si sono distinte per la realizzazione di elaborati che testimoniano come la sinergia della Scuola e delle Forze dell’Ordine operi con le azioni di sensibilizzazione al rispetto della legalità, alla lotta a tutte le forme di “evasione” dal percorso della giustizia, con lo scopo, anche, di avvicinare sempre più i giovani cittadini alle istituzioni.
Il Dirigente Scolastico, la dott.ssa Patrizia Arzeni, nel condividere con gli alunni e le loro famiglie la soddisfazione del premio si è complimentata con loro perché hanno saputo cogliere nell’approfondimento delle tematiche di Educazione Civica un importante momento di discussione e confronto che porta al personale arricchimento e contribuisce alla reciproca crescita nella civile convivenza di una società democratica.
Al termine della manifestazione, il Questore ha suggellato l’impegno ad “Esserci sempre”, come recita il motto della Polizia di Stato, con l’intento a perseverare nel raggiungimento di comuni obiettivi educativi e formativi dei giovani cittadini di oggi, i futuri uomini di domani, con l’istituzione scolastica.

“E’ la cultura della Legalità che insegna a vivere nella Legalità!”

Torna all'inizio del contenuto